“L’abbraccio” delle sette, tra fragilità e manipolazione.

Secondo gli ultimi dati diffusi dal Cesap, Centro abusi psicologici, risalenti al 2015, sono 500 le “comunità spirituali” presenti in Italia. Calcolare una stima precisa del numero degli adepti delle sette è pressoché impossibile, è verosimile considerare un numero che oscilla tra uno e due milioni di adepti. La parola setta deriva dal latino SectorContinua a leggere ““L’abbraccio” delle sette, tra fragilità e manipolazione.”

Esiste un’attitudine a diventare vittima?

Sicuramente vi sono dei fattori di vulnerabilità vittimale piuttosto che attitudine o predisposizioni vittimogene specifiche, però non vi è un nesso diretto tra vulnerabilità e vittimizzazione, perché la vulnerabilità è solo uno degli elementi del processo che porta alla vittimizzazione.Ricerche teoriche coadiuvate a studi empirici hanno permesso di individuare le condizioni biologiche, psicologiche e sociali,Continua a leggere “Esiste un’attitudine a diventare vittima?”

I bambini dell’oblio: tra criminalità e disumanizzazione.

Ha detto Dietrich Bonhoeffer “il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi bambini”. Ad oggi il mondo, per i suoi bambini non fa molto, o per lo meno, non tutto ciò che potrebbe, soprattutto per quell’enorme mole di minori scomparsi, finiti nel nulla chissà dove, nell’eterno oblio, destinati spesso a non fare più ritorno.Continua a leggere “I bambini dell’oblio: tra criminalità e disumanizzazione.”